Pubblicato il

Macchinetta per cocche delle frecce in legno

Siamo lieti di presentarvi uno dei nostri piccoli gioielli di inventiva tutta Italiana, un utilissimo strumento per tutti gli amici che utilizzano le frecce in legno.

Macchinetta per cocche delle frecce in legno

macchinetta-cocche-frecce-in-legno

 

Seguendo un semplice procedimento si possono ricavare cocche nel legno, sempre perfette.

 macchinetta-cocche-frecce-in-legno2

PROCEDIMENTO:

1) Svitare il grano con l’apposita chiave esagonale e posizionare la punta di trapano alla profondità della cocca che si desidera avere.
2) Inserire l’asta e facendola ruotare in senso orario farla penetrare sino a fondo corsa (fig 1.2).
3) Ruotare l’asta sino a che la venatura del legno non sia parallela al taglio che andremo ad effettuare, fatto questo fissare l’asta con la vite di fermo e poi procedere all’asportazione sule due facce del legno eccedente, (fig. 3-4).
4) Togliere l’asta e con la coda di topo asportate il legno superfluo sino al fondo del foro precedentemente
fatto (fig-5) .
5) Con la parte più grande della coda di topo , creare in fondo al taglio l’alloggiamento giusto
per la dimensione della vostra corda (fig 6) .
Rifinire il tutto con della carta abrasiva sottilissima prima della verniciatura e rifinitura .

Disponibile per aste di due misure:

  • 5/16
  • 11/32

macchinetta-cocche-frecce-in-legno1

Pubblicato il

“V” BAR SPIGA/MORSE 360°

“V” BAR SPIGA/MORSE 360° image007

 

Un concentrato di tecnica e funzionalità !!!!!!

La  funzione del “v” Bar è quella di tenere insieme le parti componenti la stabilizzazione, raggruppando le diverse forze in gioco nel minor spazio possibile.

La possibilità di montarlo in modo stabile  all’arco e la funzione “attacco rapido” per  astine e stabilizzatore centrale completano  la sua grande praticità.

Il “V”BAR SPIGA/MORSE 360° PRENDE IL NOME DALL’INVENTORE Stephen A. Morse che nel  1864 inventò il  SISTEMA DI MONTAGGIO DEI MANDRINI SULLE MACCHINE UTENSILI , grazie a due coni che si compenetrano ed aumentano notevolmente la superficie di contatto tra le due parti in gioco, impedendone la rotazione. Nel “V” Bar SPIGA/MORSE il sistema è  applicato sia alle parti mobili che si orientano coprendo tutte le posizioni possibili (360°) sia al perno di fissaggio del”V” bar all’arco.

Pubblicato il

Disponibile il nuovo rest per Olimpico SPIGAREST M.T.R.

È nato lo SPIGAREST , M.T.R. Micro Tuning Rest.

La grande novità consiste nella facilità di regolazione della posizione dell’astina poggia freccia rispetto al centro del bottone , questo lo rende incredibilmente comodo per tutti gli arcieri, ed in particolar modo per i tiratori ad arco nudo.
D’ora in avanti non sarà più necessario rifare più volte il punto d’incocco durante le prove , ma basterà ruotare con due dita il pomello di regolazione per muovere micrometricamente il punto d’incocco in alto ed in basso durante i test .
Il movimento in alto e basso è frizionato, in modo da poter tirare molte frecce mentre si procede con la regolazione micrometrica .
Tu stesso durante le prove , Il tuo tecnico o l’amico arciere che guarda da dietro il volo della tua freccia, potrà modificare micrometricamente il punto di incocco semplicemente ruotando con due dita l’apposito pomello, senza dover svitare nessuna vite per procedere nelle prove e trovare il miglior volo.
Questa possibilità di muovere il punto di incocco micrometricamente è ancora più importante per gli arcieri evoluti, per trovare il miglior raggruppamento delle frecce, che non sempre corrisponde alla posizione che abbiamo trovato con i test della spennata, in quanto le pressioni sulla corda e sull’impugnatura ai 18/20 metri delle prove usuali , sono diverse da quelle alle distanze 40/70 metri dell’utilizzo in gara .

Terminata la messa a punto ,del punto di incocco, si procede con il blocco del grano di fermo che ha la punta ricoperta di materiale sintetico che funge da protezione della filettatura interna .

Qualora alla fine delle prove la posizione del centro della freccia sia troppo spostata, più di 1,5mm, rispetto al centro del bottone sarà necessario rifare il punto di incocco, per portare la freccia al centro , ma questo si dovrà fare una sola volta e definitiva.
Nella parte anteriore il rest ha una sfera in materiale plastico con dietro una molla, per poter essere premuto contro l’arco, questo consente sia un più solido posizionamento che di non graffiare l’arco stesso.
I Rest M.T.R. viene fornito di serie con due astine , per poterlo montare su tutte le impugnature in commercio.
Una caratteristica di tutti i rest Arco Sport è quella di poter registrare il fori di passaggio dell’astina, nel caso che un grande intenso lavoro li allarghi, agendo sulle due viti da 2mmm, si riportano le tolleranze a zero, da qui il nome Z.T. zero tolleranza .
Come tutti i rest della linea ZT anche l’M.T.R. ha la regolazione della potenza di attrazione del magnete, dell’altezza dell’astina, dell’apertura destra sinistra dell’astina , ed è fissato all’arco in maniera molto solida tramite una vite da porre sull’apposito
secondo foro presente nel 90% delle impugnature in commercio.